Ecco le 10 tendenze 2016

Download PDF

Dalla sharing economy all’internet delle cose, ecco le 10 tendenze 2016

Quinto report ConsumerLab di Ericsson

trend-151217162520

 

Cosa ci aspettiamo nel 2016? Nella quinta edizione del suo report annuale 10 Hot Consumer Trends 2016, il ConsumerLab di Ericsson presenta le dieci principali tendenze del mondo consumer per il 2016 e oltre.
Il report mostra tra l’altro come i consumatori siano convinti che presto l’intelligenza artificiale possa abilitare l’interazione con gli oggetti senza passare per lo schermo di uno smartphone. La metà degli utenti crede infatti che lo smartphone diventerà un oggetto del passato nel giro dei prossimi cinque anni. Lo studio indica inoltre che poiché l’adozione delle tecnologie di rete diventa sempre più veloce, il loro utilizzo da parte del mercato di massa diventa prassi in tempi più rapidi.

Ecco nel dettaglio le tendenze per il 2016:
1. The Lifestyle Network Effect. Quattro persone su cinque sono ora consapevoli del fatto che i benefici generati dall’utilizzo di servizi online sono maggiori nel momento in cui più persone li utilizzano. A livello globale il 34% dei consumatori aderisce già a varie forme di sharing economy.
In Italia la percentuale sale al 37%, mentre sono due italiani su tre (67%) le persone attive su più di un social network.Tra i servizi maggiormente utilizzati dagli italiani abbiamo la condivisione di una stanza o di un appartamento (in media 17%), di abbigliamento (13%) e il bike/car sharing (6%).
2. I nativi digitali preferiscono lo streaming (Streaming Natives).
I teenager guardano più contenuti video su YouTube
di ogni altra fascia di età. Il 46% degli adolescenti, tra i 16 e i 19 anni, trascorre 1 ora o più al giorno davanti a YouTube. In Italia il 45% del totale del tempo speso per vedere contenuti video è su dispositivi mobili come smartphone, tablet o laptop, percentuale che arriva fino al 60% nel caso dei teenager.
3. L’intelligenza artificiale mette fine all’era dello schermo (AI Ends the Screen Age). L’intelligenza artificiale permetterà di interagire con gli oggetti senza passare dallo schermo di uno smartphone. Un utente su due ritiene che lo smartphone apparterrà al passato nel giro dei prossimi cinque anni. Gli italiani sono desiderosi di connettere gli oggetti con cui interagiscono quotidianamente: il 67% vorrebbe connettere il sistema di allarme domestico, il 56% la Tv, il 48% l’automobile, il 38% la fotocamera, il 34% i contatori elettrici, il 33% l’aria condizionata, il 26% la lavatrice.
4. Il virtuale diventa reale (Virtual Gets Real). I consumatori desiderano integrare tecnologie di realtà virtuale nelle loro attività quotidiane, come guardare sport o fare video chiamate. Il 44% desidera persino stampare il proprio cibo. In Italia il digitale è sempre più importante nelle nostre vite, soprattutto in determinate attività. Ad esempio per quanto riguarda la ricerca di prodotti il 57% di persone ricorre più all’online che all’offline, mentre sono il 20% coloro che preferiscono servizi digital irispetto ad una telefonata per prenotare un taxi.
5. Le pareti delle case si arricchiscono di sensori (Sensing Homes). Il 55% dei possessori di uno smartphone ritiene che, entro i prossimi cinque anni, i mattoni utilizzati per costruire le case potrebbero contenere sensori in grado di monitorare la muffa, le perdite e i problemi elettrici. Di conseguenza il concetto di case intelligenti potrebbe aver bisogno di essere ripensato.
6. I pendolari sono sempre più smart (Smart Commuters). I pendolari vogliono usare il loro tempo in maniera significativa e non sentirsi come oggetti passivi in transito. L’86% vorrebbe usare servizi personalizzati se fossero disponibili durante le loro trasferte. In Italia, il 60% dei pendolari accede a servizi internet durante gli spostamenti in città. In questi frangenti il 47% si ritiene soddisfatto dei servizi di Instant Messaging, il 42% della navigazione web, il 31% delle videochiamate, il 27% dei servizi di video streaming.
7. Chat per le emergenze (Emergency Chat). I social network possono diventare il modo migliore per contattare i servizi di emergenza. Sei consumatori su dieci sono inoltre interessati ad avere un’app che li possa informare sui disastri e sulle emergenze.
8. Internables. Sensori interni al nostro corpo che misurano il benessere fisico delle persone potrebbero diventare i nuovi wearables. Otto consumatori su dieci vorrebbero usare la tecnologia per migliorare le percezioni sensoriali e le capacità cognitive come la vista, la memoria e l’udito.
9. Tutto può essere preso di mira dagli hacker (Everything Gets Hacked). La maggior parte degli utenti smartphone crede che gli attacchi informatici continueranno ad essere un problema. Come effetto collaterale positivo, un utente su cinque dichiara di avere maggiore fiducia in un’organizzazione che ha subito un attacco hacker ma che ha poi risolto il problema.
10. I Netizen diventano i nuovi giornalisti (Netizen Journalists). I consumatori condividono più informazioni che mai e credono che questo possa aumentare la loro influenza sulla società. Più di un terzo crede che denunciare online un’azienda per corruzione abbia maggiore impatto che andare dalla polizia.

Michael Björn, Head of Research, Ericsson ConsumerLab, afferma: “Alcuni di questi trend possono sembrare futuristici. Ma è abbastanza forte l’interesse del consumatore verso nuove modalità di interazione come l’intelligenza artificiale e la realtà virtuale, così come la voglia di integrare Internet nei muri delle case o nei nostri corpi. Questo significa che potremmo presto vedere nuove categorie di prodotti di consumo apparire sul mercato – e intere industrie trasformarsi – per consentire questo sviluppo.”
Le intuizioni contenute nei “10 Hot Consumer Trends 2016” sono elaborate dal programma di ricerca globale del ConsumerLab di Ericsson e coprono una vasta gamma di opinioni dei consumatori. Il campione dello studio è rappresentativo di 1,1 miliardi di persone in 24 Paesi, con un focus più ristretto su 46 milioni di utenti smartphone che vivono in 10 grandi città.

Fonte: http://www.ansa.it/